Come gestire una cantina di vini naturali e accorgersi dei difetti

Come gestire cantina vini naturali

Il vino è un prodotto che soffre la luce, il movimento e i bruschi cambiamenti di temperatura. Senza additivi e poche aggiunte di solforosa, il vino naturale può esserlo ancora di più. Ecco come gestire una cantina di vini naturali e come accorgersi dei difetti più comuni, senza perdite né drammi.

Come conservare il vino naturale al ristorante

L’ambiente ideale

La gestione di una cantina di vini naturali inizia quando il vino arriva al ristorante. Prima di ogni cosa è bene metterlo a “riposo”, a causa dello stress da trasporto. Dove? Nel suo ambiente ideale, la cantina. In cantina, la temperatura oscilla tra i 12° e i 16°C e l’umidità è controllata: l’aria deve essere asciutta, ma non secca. Attenzione anche all’illuminazione. Preferire il buio e luce artificiale tenue, mai diretta sulle bottiglie. Le scaffalature in legno poi, sono le migliori: il legno è un materiale che minimizza le oscillazioni e stabilizza il tasso di umidità.

Disporre bene le bottiglie

La posizione da preferire è quella orizzontale. Questa posizione permette al vino di inumidire e mantenere elastico il tappo di sughero, evitando una indesiderata entrata d’aria all’interno, soprattutto se il vino è da lungo invecchiamento. 

Spesso però i vini naturali sono vini da consumare nell’arco di qualche mese. In questo caso, anche la posizione verticale è adatta, soprattutto per vini bianchi e rifermentati. 

Una buona gestione della cantina salva vita

Non dimenticare le bottiglie! La gestione attenta della cantina di vini naturali prevede controlli periodici. Sono due i metodi principali per controllare la situazione in cantina:

  • FIFO (First In First Out): dare più valore alle bottiglie più recenti. La prima bottiglia che entra è la prima a uscire.
  • LIFO (Last In First Out): per valorizzare i pezzi più vecchi. L’ultima bottiglia che entra è la prima a uscire.

Una catalogazione completa dei vini poi (meglio se digitale), è un salvavita. 

Come riconoscere i difetti del vino naturale?

Gestire una cantina di vini naturali significa anche accorgersi dei principali difetti e capire quando una bottiglia non è da servire. Ecco i principali difetti dei vini naturali e quando questi diventano invece pregi.

Troppa ossidazione: come gestirla?

L’ossidazione è il famoso sentore “marsalato”, fuggito da tutti gli enologi. Eppure, non è un cattivo odore a prescindere. Se a queste note si sommano altri profumi, il vino è “leggero” ed evolve nel tempo, l’ossidazione passa da difetto a pregio. Se invece il vino è piatto e senza altri sentori, allora la bottiglia è da buttare. 

Non è aceto!

L’aceto è la naturale evoluzione dell’uva fermentata. A primo impatto dunque, l’acidità volatile è un difetto. Eppure, se dopo averlo arieggiato, il vino conserva una giusta spinta acida che si unisce bene al tannino, allora l’acidità volatile dà leggerezza al vino naturale. Tutto sta nel trovare il giusto equilibrio, e questa è la bravura del viticoltore naturale.

Il lievito Brett, nemico-amico?

Il Brett è il tipico odore di stalla, di animale. Non proprio piacevole. L’odore nasce da un lievito chiamato Brettanomyces e si sviluppa in cantina, alla nascita del vino. Se l’odore è sgradevole e sovrasta tutto, non c’è niente da fare: il vino naturale va buttato. Alcuni vini francesi si pregiano di questo sentore, unito però a un bouquet complesso di altri aromi, ma le opzioni si contano sulle dita di una mano.

Scritto da Erica Fifield

07.07.2021

Articoli recenti

Chilometro zero? Come valorizzarlo nel menù

Chilometro zero? Come valorizzarlo nel menù

Valorizzare il chilometro zeroChilometro zero e i suoi vantaggiProviamo col chilometro veroUn cliente felice è un cliente che ritornaI fornitori intorno a me Valorizzare il chilometro zero Non esiste una scienza esatta per determinarne una perfetta riuscita. Eppure,...

Frollatura del pesce: cosa sapere

Frollatura del pesce: cosa sapere

La frollatura del pesce: tutto quello che c'è da sapere Scopri di più sulla frollatura del pesce: Cos'è e perché si frolla il pesce?Come fare la frollatura del pesceQual è la differenza tra frollare il pesce o la carne?Fresco è sempre meglio?La storia della bottargaLa...

Come fare la carta dei vini per un ristorante

Come fare la carta dei vini per un ristorante

Realizzare una carta dei vini vincente è un’impresa tutt’altro che facile, soprattutto se non si dispone del giusto know-how. Molto dipende dalla passione che riversi nella tua attività, dall’amore che hai per il vino e dalla voglia di ben figurare. Vero è che una...

Ristorazione 2.0 – Anche gli Chef ordinano con un clic

Ristorazione 2.0 – Anche gli Chef ordinano con un clic

Quanto tempo perdi ogni giorno per ordinare le forniture per il tuo locale?Ogni giorno devi controllare il frigo, le celle e le dispense, ordinare la frutta dal Fornitore A e la carne dal Fornitore B, pagare e contabilizzare la fatture del Fornitore A e quella del...

Dolce al ristorante: come aumentare le vendite dei dessert

Dolce al ristorante: come aumentare le vendite dei dessert

Il dolce al ristorante è per un numero sempre maggiore di clienti un momento sacro del pranzo o della cena. Per rispettare questo rito, garantendo quindi un’esperienza dolciaria unica, i ristoratori possono fare attenzione ad alcuni particolari. Seguendoli, il...

Non si trovano chef e camerieri

Non si trovano chef e camerieri

“La carenza di personale è un bel problema dei giorni nostri. I giovani si stanno allontanando dalle cucine, non vogliono più fare i cuochi, il 70 per cento dei ragazzi che conosco che si erano approcciati per la prima volta alla cucina hanno cambiato lavoro. Noi,...

Gastronomie Italiane – Intervista al fondatore Davide Lucini

Gastronomie Italiane – Intervista al fondatore Davide Lucini

Gastronomie Italiane nasce in seguito ad un viaggio lungo 18 mesi. Davide sceglie di seguire la sua passione, l’agroalimentare e visita decine di aziende, piccoli produttori, realtà che in seguito descriverà come “cultori del sapere”. Davide Lucini porta le eccellenze...

Articoli correlati

Non si trovano chef e camerieri

Non si trovano chef e camerieri

“La carenza di personale è un bel problema dei giorni nostri. I giovani si stanno allontanando dalle cucine, non vogliono più fare i cuochi, il 70 per cento dei ragazzi che conosco che si erano approcciati per la prima volta alla cucina hanno cambiato lavoro. Noi,...

Il foraging: tutto quello che c’è da sapere

Il foraging: tutto quello che c’è da sapere

Muschi, bacche, fiori, erbe, foglie, licheni, frutti, corteccia e radici: il valore del cibo spontaneo e selvatico che la natura ci offre sono molteplici e grazie al foraging possiamo portare in tavola piatti dal valore inestimabile.   Scopri di più sul...

Deliveristo blog logo footer

Il mercato dei fornitori per la ristorazione

+39 3483 099 344

Seguici su

Copyright 2021 Deliveristo S.p.A. – P.IVA: 10005280960 – Via San Marco 21, 20121 Milano, Italia