Dolce al ristorante: come aumentare le vendite dei dessert

Aumentare vendita dolci al ristorante

Il dolce al ristorante è per un numero sempre maggiore di clienti un momento sacro del pranzo o della cena. Per rispettare questo rito, garantendo quindi un’esperienza dolciaria unica, i ristoratori possono fare attenzione ad alcuni particolari. Seguendoli, il vantaggio sarà duplice: fidelizzare la clientela e vendere più dolci

Non sottovalutare l’importanza dei dolci da ristorante

A ben pensare, il dessert è un elemento chiave di ogni pasto; è uno degli ultimi sapori che il cliente avrà ancora in bocca quando si alzerà da tavola, e in alcuni casi l’unico che ricorderà. Molti pranzi o cene vengono descritti come deliziosi o pessimi prendendo come unico punto di riferimento i dolci. Questo forse è un po’ in giusto, ma è anche una realtà di cui chi gestisce un locale deve prendere atto.

È fondamentale quindi avere la certezza che i dessert del tuo locale siano all’altezza delle aspettative di ogni cliente. Un’impresa non impossibile, ma che per essere realizzata ti impone di premere su due direttrici principali. La prima è quella di servire dolci di qualità. Questo è un punto imprescindibile se vuoi arrivare alla seconda, che si sostanzia nel venderne il più possibile.

Sul primo punto c’è poco da aggiungere a quanto già noto. Per fare un buon dolce, è necessario prima di tutto munirsi di materie prime tracciabili e pregiate. Una buona crema al cioccolato casereccia, ad esempio, sarà tale solo se le nocciole saranno all’altezza.

Posto che dalla qualità non si può prescindere, come fare a vendere più dolci? E perché questo è importante? Per almeno quattro ragioni, che vanno oltre il semplice aumento dei guadagni:

  1. Il dolce del ristorante è un ottimo modo per fidelizzare i clienti;
  2. Se è buono, dimostra che il gestore non si limita a nutrire gli avventori, vuole coccolarli;
  3. Ti rende unico rispetto ai competitor;
  4. Ti aiuta a sorprendere i clienti, generando quei momenti di convivialità che porteranno per sempre con loro, e che li spingerà a tornare a farti visita.

Vendere più dolci per ristorante, qualche consiglio

E veniamo al cuore di questo articolo, vedendo qualche strategia per vendere più dolci al ristorante.

Parti dal presupposto che il dolce del ristorante merita lo stesso livello di protagonismo di altre portate pregiate come gli antipasti, i primi e i secondi. Pertanto, sarà saggio disporre di una carta dei dolci a parte, separata dal menù principale. In questo modo aumentano anche le possibilità che il cliente consulti con attenzione l’elenco dei dessert, finendo per volerne e quindi sceglierne uno. Inoltre, una carta dei dessert dà all’intero locale un tocco di unicità.

Come abbiamo già visto per i vini, la carta deve essere un prodotto di buona qualità grafica. Prendi spunto da qualche esempio presente in rete e affidati a un esperto del settore grafico per realizzarla.

Equilibrio e flessibilità

Prevedi un’offerta equilibrata, che accoglie sia i grandi classici della cucina italiana come il tiramisù, sia le specialità regionali come ad il castagnaccio. Segui poi i periodi dell’anno e le stagioni per creare sempre un’offerta allineata.

Chiaramente, è importantissimo prestare la massima attenzione alla forma e alla presentazione del dolce, si potrebbe ad esempio esporti in una vetrinetta refrigerata. Inoltre, un po’ di creatività non fa mai male: prova a proporre dei dolci con ingredienti non scontati, magari anche salati.

Soprattutto, la parola d’ordine è flessibilità. Molte famiglie o gruppi di amici scelgono i ristoranti in base all’eterogeneità dell’offerta, e generalmente vincono le soluzioni che riescono ad accontentare il maggior numero di richieste. È dunque importante prevedere dessert almeno per persone vegetariane, vegane e celiache. Non ignorare neanche l’aspetto delle allergie e intolleranze più comuni come quella al lattosio, arachidi e soia, e tieni anche conto di alternative lightper chi è a dieta ma vuole comunque togliersi un piccolo capriccio di gola.

Ma non solo dolci ma anche una selezione di formaggi e di vini dolci, passiti e amari ricercati.

Potresti anche prevedere la modalità assaggino, portando un vassoio di piccole porzioni dei dolci più buoni, così da permettere a ognuno dei commensali di scegliere quale mangiare in versione maxi.

Il dolce ristorante: considerazioni finali

Prima di salutarci, qualche consiglio di natura conclusiva. Ricorda che la carta dei dolci – per quanto unica e originale – non deve mai tradire lo spirito del ristorante. Vale per i dolci come per i vini: va bene sperimentare, ma non bisogna correre il rischio di snaturarsi o il cliente percepirà di essere finito in un luogo pacchiano.

Il vero elemento a cui fare perennemente attenzione è quello della qualità, soprattutto degli ingredienti. Affidati sempre a prodotti di prima scelta, proponili in maniera originale e simpatica, dai ai dessert il giusto spazio e la giusta vetrina, e vedrai che vendere più dolci al ristorante sarà un’impresa che si compirà da sé. 

Scritto da Erica Fifield

05.06.2021

Articoli recenti

Chilometro zero? Come valorizzarlo nel menù

Chilometro zero? Come valorizzarlo nel menù

Valorizzare il chilometro zeroChilometro zero e i suoi vantaggiProviamo col chilometro veroUn cliente felice è un cliente che ritornaI fornitori intorno a me Valorizzare il chilometro zero Non esiste una scienza esatta per determinarne una perfetta riuscita. Eppure,...

Frollatura del pesce: cosa sapere

Frollatura del pesce: cosa sapere

La frollatura del pesce: tutto quello che c'è da sapere Scopri di più sulla frollatura del pesce: Cos'è e perché si frolla il pesce?Come fare la frollatura del pesceQual è la differenza tra frollare il pesce o la carne?Fresco è sempre meglio?La storia della bottargaLa...

Come fare la carta dei vini per un ristorante

Come fare la carta dei vini per un ristorante

Realizzare una carta dei vini vincente è un’impresa tutt’altro che facile, soprattutto se non si dispone del giusto know-how. Molto dipende dalla passione che riversi nella tua attività, dall’amore che hai per il vino e dalla voglia di ben figurare. Vero è che una...

Ristorazione 2.0 – Anche gli Chef ordinano con un clic

Ristorazione 2.0 – Anche gli Chef ordinano con un clic

Quanto tempo perdi ogni giorno per ordinare le forniture per il tuo locale?Ogni giorno devi controllare il frigo, le celle e le dispense, ordinare la frutta dal Fornitore A e la carne dal Fornitore B, pagare e contabilizzare la fatture del Fornitore A e quella del...

Non si trovano chef e camerieri

Non si trovano chef e camerieri

“La carenza di personale è un bel problema dei giorni nostri. I giovani si stanno allontanando dalle cucine, non vogliono più fare i cuochi, il 70 per cento dei ragazzi che conosco che si erano approcciati per la prima volta alla cucina hanno cambiato lavoro. Noi,...

Gastronomie Italiane – Intervista al fondatore Davide Lucini

Gastronomie Italiane – Intervista al fondatore Davide Lucini

Gastronomie Italiane nasce in seguito ad un viaggio lungo 18 mesi. Davide sceglie di seguire la sua passione, l’agroalimentare e visita decine di aziende, piccoli produttori, realtà che in seguito descriverà come “cultori del sapere”. Davide Lucini porta le eccellenze...

Articoli correlati

10 libri food da leggere assolutamente

10 libri food da leggere assolutamente

Da autobiografie di grandi chef a riflessioni antropologiche, dal foraging alla frollatura del pesce. Alcuni libri sul mondo del cibo e della ristorazione che consigliamo di leggere. Il grande libro del pesce di Josh Niland The devil in the kitchen di Marco...

Chilometro zero? Come valorizzarlo nel menù

Chilometro zero? Come valorizzarlo nel menù

Valorizzare il chilometro zeroChilometro zero e i suoi vantaggiProviamo col chilometro veroUn cliente felice è un cliente che ritornaI fornitori intorno a me Valorizzare il chilometro zero Non esiste una scienza esatta per determinarne una perfetta riuscita. Eppure,...

Deliveristo blog logo footer

Il mercato dei fornitori per la ristorazione

+39 3483 099 344

Seguici su

Copyright 2021 Deliveristo S.p.A. – P.IVA: 10005280960 – Via San Marco 21, 20121 Milano, Italia