Fornitori di carne bovina piemontese

La Granda fornitore carne piemontese

La Granda: l’eleganza della cultura della carne in Italia

“Non c’è agricoltura senza cultura”, racconta Sergio Capaldo, fondatore de La Granda, associazione di allevatori piemontesi nata nel 1996. La Grande è un percorso, più che un’azienda: un modo di valorizzare la qualità della carne di Fassona piemontese e di tutta la filiera della carne “buona, pulita e giusta”. Gli studi di Sergio e di varie università italiane, hanno dato vita a una nuova idea di allevamento di qualità, attento al benessere animale, alla salubrità e al gusto della carne. La Granda ha valorizzato il Presidio Slow Food della Razza Bovina Piemontese, una razza autoctona antica che stava scomparendo.

Che caratteristiche ha la carne di Fassona rispetto alle altre?

La genetica. La carne di razza piemontese ha fibre muscolari sottili e poco grasso. Nonostante l’aspetto magro e un tasso di colesterolo molto basso, è una carne molto gustosa e saporita. Non ha bisogno di grandi condimenti o salse: va gustata in purezza.

La razza bovina piemontese è un Presidio Slow Food, cosa vuol dire?

La Fassona piemontese è una razza antica di bovini autoctoni dal manto bianco. All’inizio del Novecento, i capi erano 680 mila. Ad oggi, sono scesi a circa 300 mila, distribuiti per lo più in stalle a conduzione familiare. Il Presidio nasce per volontà di una decina di allevatori riuniti nel consorzio La Granda, che seguono un rigoroso disciplinare per salvaguardare una razza che stava scomparendo. 

Quanto è importante per voi la linea vacca-vitello?

È un punto centrale. Nel mantenere la linea vacca-vitello per circa 4-6 mesi noi di La Granda rispettiamo i ritmi della natura. Siamo anche riusciti a costruire il progetto dell’antibiotico free, evitando “l’effetto dell’asilo nido”. Se il vitello beve il latte della madre e vive i primi tempi con i suoi simili, diventa più forte e resistente alle future malattie. Così come l’uomo, ìl primo periodo della vita è determinante per il vitellino.

Cosa mangia l’animale?

L’alimentazione dell’animale è fondamentale: un mangime buono, sano e gustoso è il primo passo per avere una buona qualità. Oltre al fieno, gli animali mangiano miscele di mais, orzo, crusca, germe di grano, fave, favino, carrube, pisello proteico. Nessun mangime ogm, insilati di mais o aggiunte di vitamine e antibiotici nella loro alimentazione.

Come conservare la vostra carne?

Il sottovuoto è d’obbligo. All’inizio è stata dura: tutti preferivano la vaschetta in polistirolo. Dal 2007 mi impegno a far capire che un sottovuoto di qualità superiore è il modo migliore per conservare la carne. Noi a La Granda usiamo un sottovuoto di poliaccoppiati, un materiale fatto da tanti strati. Così è davvero facile conservare la qualità.  

Cosa ne pensi della frollatura?

La carne de La Granda si può frollare se l’animale ha una certa età. Se è giovane, non la consiglio: la frollatura serve per intenerire la carne e indebolire la fibra. Per genetica, un animale giovane non ne ha bisogno.

Vendete la carne di La Granda congelata?

Sì. Un ottimo congelato fatto sul momento è migliore di un fresco conservato troppo a lungo. Con il nostro sistema criogenico la carne è messa sottovuoto e abbattuta immediatamente: la qualità rimane ottima.

carne

Quali sono le ricette più giuste per la carne di Fassona?

  • La carne battuta al coltello, condita con olio extravergine e pochissimo sale. Rigorosamente da taglio anteriore, il più gustoso. 
  • Il gran bollito misto, da intingere nel sale o nei bagnèt. Dal bagnetto verde a base di prezzemolo, acciughe e aglio, quello rosso, a base di pomodoro, fino alla cognà, fatta di mele cotogne e pere cotte nel mosto.
  • Le tagliate. Sono “burro”. Una delle bistecche più buone è il cuore del collo il (tenerone): poco conosciuto ma di gran lunga superiore al filetto.
  • Quinto quarto. L’alimentazione giusta rende eccezionali anche le interiora e le parti meno utilizzate (trippa, coda, fegato…)

I salumi, ne avete tantissimi: c’è qualche particolarità che consigliate?

Il prosciutto cotto è stato un grande successo. All’inizio facevo fatica a proporlo ai ristoratori perché erano troppo abituati al gusto industriale. Se il maiale è “quello giusto”, la carne non ha bisogno di aromi o addensanti, mentre i conservanti sono ridotti al minimo. La qualità della carne ha fatto la differenza.

La moda più assurda nel mondo della carne?

Un grande fake è stata la costata finlandese. Carne poca, molto grasso. La qualità non era tra le sue principali qualità! 

Cosa vorresti dire ai ristoratori che comprano la vostra carne?

  • Non usate sempre i soliti tagli. Proponete ai commensali anche quelli meno conosciuti.
  • Attenzione al suolo. Gli allevamenti intensivi e i fertilizzanti chimici sfruttano il suolo. La terra ha bisogno di un suolo fertile e della sua biodiversità: è bene scegliere la carne solo da allevamenti etici.
  • Più conoscenza della carne e dei suoi tagli.Lo studio della carne, dei tagli e degli allevamenti dovrebbe diventare la nuova regola. E anche il food cost ne beneficia (e fa risparmiare i ristoratori).

Sei un fornitore e vuoi digitalizzare i tuoi ordini?

Parla con un nostro esperto per conoscere tutti i vantaggi di Deliveristo

Scritto da Erica Fifield

17 Nov, 2021

Articoli recenti

Sostenibilità: un ristorante dovrebbe davvero pensarci?

Sostenibilità: un ristorante dovrebbe davvero pensarci?

In questo articolo vedremo come mai la sostenibilità ambientale sta diventando sempre più rilevante anche nel settore horeca. A seguito di un interesse crescente stanno nascendo sempre più strumenti e riconoscimenti di sostenibilità a livello nazionale e...

Tabui: intervista a Tommaso Vaccaro

Tabui: intervista a Tommaso Vaccaro

Proprio dietro il celebre Museo Egizio di Torino si può trovare Tabui, un punto di riferimento del tartufo di questa città piemontese. L’offerta del menù è particolarmente rivolta al tartufo, il re indiscusso del Piemonte ed è accompagnata da  un’interessante...

Articoli correlati

Ortofrutta: 4 curiosità che forse non sapevi

Ortofrutta: 4 curiosità che forse non sapevi

Frutta e verdura sono alimenti onnipresenti nella ristorazione e sempre più protagonisti anche per una questione di gestione del food cost. Inoltre è sempre più di tendenza avere locali che propongono come parte principale il vegetale con a contorno delle proteine...

Avocado: come conservarlo e utilizzarlo

Avocado: come conservarlo e utilizzarlo

Gustoso, versatile e super amato l'avocado è tra i frutti tropicali più venduto al mondo e anche in Italia la crescita esponenziale del consumo pro capite è in continua crescita. L’avocado, inoltre, è diventato in poco tempo un alimento ricercato e di rilievo in tutto...

Deliveristo blog logo footer

Il mercato dei fornitori per la ristorazione

+39 348 590 3632

Seguici su

Copyright 2023 Deliveristo S.p.A. – P.IVA: 10005280960 – Via Giuseppe Mazzini, 9, 20123 Milano, Italia