Da ristoratore a Deliveristo: Gabriele Angeleri

Gabriele Angeleri ristorante

Deliveristo è una delle realtà più affermate in ambito FoodTech a livello europeo. La piattaforma si propone come un mercato virtuale che digitalizza l’ordine dal ristoratore al fornitore.

Gabriele Angeleri, co-fondatore e COO della startup ci racconta il suo percorso, partendo dalle sue radici, da figlio di ristoratori, alle sue passioni, i suoi studi, fino ad arrivare alla progettazione e alla concretizzazione di Deliveristo: un modo nuovo di gestire le forniture del proprio ristorante utilizzando la tecnologia.

Ciao Gabriele, raccontaci un po’ di te. Qual è il tuo background?

Sono nato a Biella e sono co-Fondatore e Chief Operating Officer di Deliveristo, ad oggi una delle realtà più affermate in ambito food tech a livello europeo, il cui obiettivo è quello di mettere in contatto diretto ristoratori e chef con i fornitori.

Sono nel mondo della ristorazione da sempre. I miei genitori sono stati infatti titolari per 35 anni dello storico ristorante Orso Poeta. Un locale all’insegna del divertimento, capitanato da mia madre, “la Cris”, che oltre ad occuparsi della gestione dell’attività, accoglieva tutti calorosamente con un sorriso e a cui tanti biellesi sono affezionati.

E insieme a lei mio padre, uno sculture, cantante e pittore, dunque un vero e proprio artista a 360 gradi, che molti chiamano ancora affettuosamente “Maestro”, che era riuscito a creare un’atmosfera unica ed originale, con tutti i tavoli dipinti da lui e la musica sempre presente.

Ed è proprio questo il posto in cui sono cresciuto e in cui mi sono avvicinato tantissimo al mondo della ristorazione: ho sempre lavorato a fianco dei miei genitori, e anche durante il periodo universitario lavoravo con loro nei weekend. 

 L’aver fatto parte di questo mondo ha avuto un grande impatto sulla mia crescita personale, poiché ho appreso l’importanza del lavoro di squadra, dei valori di imprenditorialità e responsabilità e soprattutto del creare esperienze di divertimento e condivisione.

Dopo aver perseguito la laurea in Giurisprudenza, decido di partire per Toronto, in Canada, con l’obiettivo di imparare l’inglese, lavorando in un ristorante per qualche mese. Successivamente, mi trasferisco a Bruxelles, dove ho la fortuna di effettuare uno stage al Parlamento Europeo e in questa occasione conosco Luca Calia, che sarà uno dei cofondatori di Deliveristo.

Ciononostante, capisco sempre di più appieno che la mia passione è quella del food&beverage, ragion per cui decido di intraprendere un’altra strada. Dopo un corso Barman, vengo assunto dal Bvlgari Hotel & Resort di Milano, dove lavoro tre anni e dove ho l’opportunità di imparare dai migliori professionisti del settore.

In parallelo, poiché non avevo le idee chiare, svolgevo il praticantato forense fino a tentare l’esame di stato.

È stato un periodo di profonda incertezza. Fino a quando non arriva la chiamata di Luca Calia, il ragazzo conosciuto a Bruxelles. E qui cambia tutto.

Come nasce Deliveristo?

L’intuizione iniziale del progetto parte da Ivan Aimo e Luca Calia che al tempo lavoravano in un Fondo di Venture Capital.

 Si erano infatti resi conto che il Food Delivery lato B2C risultava ampiamente consolidato, mentre invece lato B2B c’era un totale vuoto di mercato e la digitalizzazione della filiera tra ristoratori e fornitori era pressoché assente.

Quando Luca me ne parlava, ho subito intravisto l’enorme potenzialità di quello che poteva essere un grande progetto.

Ero sempre più convinto del fatto che il mondo si stesse muovendo in una direzione di digitalizzazione e il nostro obiettivo era proprio quello di avvantaggiare e valorizzare queste realtà.

Così nasce Deliveristo.

ristorante deliveristo

Quali sono stati i primi passi verso la concretizzazione del progetto?

Prima di lanciarsi a capofitto, ho testato il terreno, proponendo di fare un sondaggio su oltre 150 ristoranti e bar di Milano per chiedere i loro comportamenti e se fossero interessati ad un’idea come la nostra.

Dal momento che l’idea piaceva e anche tanto, riusciamo a trovare i primi investimenti.

Inizio nel 2017 dando le dimissioni dal Bvlgari Hotel e mi lancio su questo nuovo progetto.

Mi ricordo di quando avevo parlato ai miei genitori di Deliveristo e della decisione che avevo preso, e che comunque nei weekend mi capitava di lavorare ogni tanto come extra al Bvlgari Hotel per riuscire a racimolare uno stipendio più pieno, dato che il compenso della start up all’inizio era molto basso. Sta di fatto che essendo un grande azzardo lavorativo, ed essendo di difficile comprensione per i miei genitori, i primi periodi mi continuavano a chiedere “Sì bella la startup, ma stai continuando ad andare al Bvlgari Hotel vero?”

Sono stati mesi davvero difficili, in cui sentivo davvero la pressione addosso, schiacciato dal peso della responsabilità.

Dovevamo praticamente gestire tutto, dal commercialista, all’avvocato, caricare i primi 30 fornitori in giro per l’Italia e cercare già i primi potenziali clienti.

Pian piano però, la squadra comincia ad allargarsi e a prendere forma. Prendiamo un piccolo ufficio e iniziano ad arrivare i primi risultati.

ristorante

Come funziona Deliveristo?

Deliveristo è un mercato online dedicato all’Ho.Re.Ca., che mette in contatto i ristoratori con i migliori fornitori. Una volta effettuato l’accesso, navigare in piattaforma è molto semplice e interattivo. Il ristoratore potrà filtrare in base alle sue esigenze e necessità il prodotto o il fornitore di cui ha bisogno.

Grazie a Deliveristo gli Chef possono ottimizzare le forniture, scoprire nuovi fornitori e sapere in anticipo il food cost. Per loro è estremamente importante poter confrontare prodotti e fornitori, affidarsi a un unico punto di acquisto, di fatturazione, di pagamento e poter gestire gli ordini in maniera veloce grazie al digitale.

Deliveristo 5 anni dopo, cos’è cambiato?

 Deliveristo, ad oggi, nel 2022, connette oltre 350 fornitori e 1000 clienti Ho.Re.Ca. Disponiamo di un catalogo di oltre 50 mila prodotti e ora siamo una S.p.A.

Abbiamo raccolto nel tempo quasi 13 milioni di euro, di cui gli ultimi 7 ad inizio agosto e contiamo 60 collaboratori.

Inoltre, nel 2019 Deliveristo è stata premiata Miglior Startup dell’Anno al Foodcommunity Awards.

Stiamo crescendo davvero molto.

Quali sono i vostri progetti futuri? Pensate di espandervi anche all’estero?

Oltre a rafforzare la nostra offerta e presenza sull’Italia, apriremo in un primo paese all’estero. Per cui, tra i prossimi obiettivi c’è sicuramente l’espansione internazionale e dunque il diventare a pieno titolo uno dei principali player europei.

Cosa hai appreso come imprenditore?

Non c’è un libretto delle istruzioni, l’unica cosa da fare è lanciarsi, provare, imparare dai propri errori e continuare raddrizzando il tiro.

Non bisogna avere paura. La paura ci rende immobili, ci paralizza. L’unico modo per sconfiggerla è l’azione, anche piccole azioni ripetute con disciplina che sappiamo per certo che porteranno a dei risultati.

Cosa hai imparato come persona?

Una cosa che ho imparato e che è sicuramente molto importante per me è il trattare tutti come se fossero clienti. Una lezione appresa grazie alla ristorazione e all’hospitality. L’importanza di essere al servizio degli altri, in tutte le relazioni con i soci, i colleghi, i fornitori; trattare tutte le persone come clienti.

Altra cosa che ho imparato, data la competizione che c’è oggi, è senz’altro l’importanza di puntare sulle proprie soft skills, ossia tutte quelle abilità trasversali che rientrano nel novero delle competenze interpersonali, come ad esempio nel mio caso, il saper comunicare, empatizzare con le persone etc.

Lavorare in una startup significa apprendimento continuo. Pensate ad una startup che triplica il suo fatturato ogni anno, raddoppia il personale, le dinamiche sono sempre nuove, i problemi si susseguono e devi apprendere materie anche complesse: dallo sviluppo, al marketing, agli acquisti, e tanti gli altri settori. Bisogna quindi apprendere velocemente.

Mi sembra ieri che ero dietro a un bancone a servire i nostri  clienti nonchè amici all’Orso Poeta, e a volte stento a credere che oggi con Deliveristo abbiamo l’opportunità di rivoluzionare un intero settore. Ma se c’è una cosa che ho imparato crescendo nel ristorante e voglio portarmi sempre dietro, è il senso del Servizio. Per me la vera leadership non è un titolo od un ruolo, la vera leadership è porsi al servizio degli altri: prendersi cura e creare valore per l’altro.

Sei un ristoratore e vuoi digitalizzare i tuoi ordini?

Presenta Deliveristo, il software di gestione ordini più avanzato, ai tuoi fornitori

Scritto da Maria Laura Costagliola

26 Ott, 2022

Articoli recenti

Sostenibilità: un ristorante dovrebbe davvero pensarci?

Sostenibilità: un ristorante dovrebbe davvero pensarci?

In questo articolo vedremo come mai la sostenibilità ambientale sta diventando sempre più rilevante anche nel settore horeca. A seguito di un interesse crescente stanno nascendo sempre più strumenti e riconoscimenti di sostenibilità a livello nazionale e...

La ristorazione contro lo spreco alimentare

La ristorazione contro lo spreco alimentare

Quasi un terzo del cibo, prodotto per il consumo umano, viene sprecato a livello globale (circa 2,5 miliardi di tonnellate all'anno) generando un alto spreco alimentare.  Solo nei paesi europei ogni anno vengono generati 88 milioni di tonnellate di rifiuti...

5 azioni per rendere il tuo ristorante più sostenibile

5 azioni per rendere il tuo ristorante più sostenibile

Perché la sostenibilità è importante e quale valore aggiunto porta al tuo locale? Il problema del cambiamento climatico e dello sfruttamento eccessivo delle risorse limitate sta aumentando il bisogno di attuare delle modifiche nelle aziende portando all’ottimizzazione...

È la fine dei menù degustazione?

È la fine dei menù degustazione?

Parliamo di tasting menu: quando funziona, quali sono le cose a cui fare attenzione e come sarà il suo futuro "Sarà la fine del cucinare con le pinzette?" twitta Cathy Erway, Food Writer internazionale, alla notizia della chiusura di uno dei grandi nomi della...

Stress e ansia in cucina: cosa sono e come affrontarli

Stress e ansia in cucina: cosa sono e come affrontarli

Quando si lavora a contatto con il pubblico, soprattutto in un ambito come quello della ristorazione, non sempre è facile sostenere e gestire le dinamiche interpersonali e intrapersonali come lo stress e l'ansia.   D’altronde, la gestione di un ristorante è molto...

Chilometro zero? Come valorizzarlo nel menù

Chilometro zero? Come valorizzarlo nel menù

Valorizzare il chilometro zero Chilometro zero e i suoi vantaggi Proviamo col chilometro vero Un cliente felice è un cliente che ritorna I fornitori intorno a me Valorizzare il chilometro zero Non esiste una scienza esatta per determinarne una perfetta riuscita....

Frollatura del pesce: cosa sapere

Frollatura del pesce: cosa sapere

La frollatura del pesce: tutto quello che c'è da sapere Scopri di più sulla frollatura del pesce: Significato della frollatura del pesce Il pesce fresco è sempre meglio? Perché si frolla il pesce? Come fare la frollatura del pesce Come scegliere il frigorifero per...

Preparati per dolci: risparmia tempo con risultati perfetti 

Preparati per dolci: risparmia tempo con risultati perfetti 

Perché i preparati per dolci sono la scelta ideale per i ristoratori I dolci spesso hanno un ruolo complementare nel menù di un ristorante ma può avere diverse finalità e benefici da tenere in considerazione. Alcuni esempi? Il 43% dei commensali ordina spesso il dolce...

Impact Food: intervista ad Alessandro Thellung De Courtelaty

Impact Food: intervista ad Alessandro Thellung De Courtelaty

Abbiamo avuto l'opportunità di parlare con Alessandro Thellung De Courtelaty di Impact Food di Roma, un ristorante innovativo che sta rivoluzionando il settore horeca con la sua offerta di prodotti plant-based. L'azienda è nata dal desiderio di offrire un'alternativa...

Articoli correlati

Impact Food: intervista ad Alessandro Thellung De Courtelaty

Impact Food: intervista ad Alessandro Thellung De Courtelaty

Abbiamo avuto l'opportunità di parlare con Alessandro Thellung De Courtelaty di Impact Food di Roma, un ristorante innovativo che sta rivoluzionando il settore horeca con la sua offerta di prodotti plant-based. L'azienda è nata dal desiderio di offrire un'alternativa...

Tabui: intervista a Tommaso Vaccaro

Tabui: intervista a Tommaso Vaccaro

Proprio dietro il celebre Museo Egizio di Torino si può trovare Tabui, un punto di riferimento del tartufo di questa città piemontese. L’offerta del menù è particolarmente rivolta al tartufo, il re indiscusso del Piemonte ed è accompagnata da  un’interessante...

Deliveristo blog logo footer

Il mercato dei fornitori per la ristorazione

+39 348 590 3632

Seguici su

Copyright 2023 Deliveristo S.p.A. – P.IVA: 10005280960 – Via Giuseppe Mazzini, 9, 20123 Milano, Italia