Intervista a Edoardo Dolcimascolo del ristorante 13 Giugno

Un ristorante a Milano da i suoi consigli per ristoratori e imprenditori su come gestire la comunicazione e social del ristorante.

Fornitori a Milano di materie prime eccellenti , un enorme rispetto per la tradizione siciliana e lo sguardo diretto al futuro per il proprio ristorante. Ecco i punti di forza di Edoardo Dolcimascolo e del suo 13 Giugno.

Una cucina siciliana di pesce (e non solo) nel cuore di Milano. Da 13 Giugno si respira un’atmosfera elegante e ricercata, ma al centro di tutto c’è la materia prima selezionata con cura per offrire ai clienti un’esperienza ogni volta indimenticabile. Siamo andati a trovare Edoardo Dolcimascolo di 13 giugno che ci ha raccontato l’essenza della sua cucina orientata al territorio e alla scelta degli ingredienti. Ecco cosa ha raccontato a noi di Deliveristo.

Qual è l’anima di 13 Giugno?

Il ristorante nasce nel 1988 e il suo nome appartiene ad una storia di famiglia. Il 13 giugno si festeggia S. Antonio e mio padre è il tredicesimo figlio e si chiama Antonio appunto.

La cucina siciliana di 13 giugno trova la sua ispirazione dalle origini di mio padre che in giovane età ha la fortuna di imbarcarsi sull’Amerigo Vespucci e scopre così una buona fetta di Europa. Qui ha la prima infarinatura del mondo fuori dalla bella Sicilia, torna a casa e fa la gavetta in un ristorante stellato siciliano in cui lavorava mio zio.

Dopo questo periodo si trasferisce in Inghilterra è scopre sempre di più il suo amore per la cultura estera. Torna a Milano e gli viene offerta la possibilità di acquistare il 13 giugno che all’epoca aveva una veste totalmente diversa da quella attuale. Nel corso degli anni il ristorante si specializza in cucina di mare sia siciliana che non. Diventiamo così un punto di riferimento anche per i crudi di altissimo livello.

Nel 2019 arrivo io in questa cucina e inizio a lavorare ai piatti meno tradizionali ma che mantengono comunque un filone siciliano, ma con un aspetto più contemporaneo. Nel fuori menù lavoro molto con le emulsioni, le salse, i croccanti, modifico la tradizione senza stravolgerla e raccontata semplicemente con ingredienti non convenzionali. In futuro abbiamo in mente di usare pesci sempre di qualità, ma con una valorizzazione della parte vegetale. Vorrei raccontare il territorio siciliano partendo dalla terra.

Qual è il tuo percorso in cucina?

Io ho fatto un istituto industriale perché non volevo fare questo lavoro. A 15 anni mio padre mi ha comprato il motorino, ma il patto era che nel week end sarei dovuto andare al ristorante per aiutare. Dopo sono andato in Svizzera a studiare in un famoso istituto di Hotel & Restaurant Management. Ho fatto qualche esperienza in Svizzera e poi mi sono trasferito in Scozia, successivamente a Londra e alla fine sono tornato a Milano. L’Italia mi piace e credo che, nonostante quello che si dice, sia ricca di possibilità.

Cosa pensi della ristorazione milanese?

Da 5-6 anni sta vivendo un momento molto florido a mio parere. E noi ci siamo adeguati stando attenti anche al minimo dettaglio per soddisfare sia la clientela milanese che quella estera. Milano è una città internazionale in cui tutti vengono a fare business e il movimento è molto per questo ci piace anche lavorare per dare il massimo anche alla clientela estera.

C’è un consiglio che daresti ai nuovi ristoratori dal lato imprenditoriale?

Capite il digitale e usatelo. Con la pandemia abbiamo cambiato totalmente l’approccio di comunicazione della nostra azienda. Abbiamo fatto un sito e-commerce e abbiamo comunicato tutto sui social. Da gioco è diventato una cosa seria, la clientela è cambiata, è molto ringiovanita. Lo storytelling di cosa accade prima di proporre un piatto a tavola sta avendo molto seguito e siamo molto soddisfatti. Bisogna aprire gli occhi di chi ti ascolta perché chi comprende diventa una risorsa dal valore inestimabile.

A proposito di digitale, come vedi la potenzialità di Deliveristo?

Secondo me il bello dei fornitori diretti è che crei il contatto umano. Ci sono consigli e attenzioni nel rapporto umano che non ci sono nel digitale. Deliveristo funziona benissimo ed è una linea guida per i ristoratori, mi piacerebbe che valorizzasse un po’ di più la tracciabilità del prodotto, cosa che so che avverrà nel prossimo futuro.

Qui qualche altra idea per promuovere il proprio locale su Instagram. Leggi di più.

Vuoi restare aggiornato e avere nuovi spunti sulla ristorazione? Iscriviti alla newsletter Deliveristo

Scritto da Erica Fifield

02.09.2022

Articoli recenti

Chilometro zero? Come valorizzarlo nel menù

Chilometro zero? Come valorizzarlo nel menù

Valorizzare il chilometro zeroChilometro zero e i suoi vantaggiProviamo col chilometro veroUn cliente felice è un cliente che ritornaI fornitori intorno a me Valorizzare il chilometro zero Non esiste una scienza esatta per determinarne una perfetta riuscita. Eppure,...

Frollatura del pesce: cosa sapere

Frollatura del pesce: cosa sapere

La frollatura del pesce: tutto quello che c'è da sapere Scopri di più sulla frollatura del pesce: Cos'è e perché si frolla il pesce?Come fare la frollatura del pesceQual è la differenza tra frollare il pesce o la carne?Fresco è sempre meglio?La storia della bottargaLa...

Come fare la carta dei vini per un ristorante

Come fare la carta dei vini per un ristorante

Realizzare una carta dei vini vincente è un’impresa tutt’altro che facile, soprattutto se non si dispone del giusto know-how. Molto dipende dalla passione che riversi nella tua attività, dall’amore che hai per il vino e dalla voglia di ben figurare. Vero è che una...

Ristorazione 2.0 – Anche gli Chef ordinano con un clic

Ristorazione 2.0 – Anche gli Chef ordinano con un clic

Quanto tempo perdi ogni giorno per ordinare le forniture per il tuo locale?Ogni giorno devi controllare il frigo, le celle e le dispense, ordinare la frutta dal Fornitore A e la carne dal Fornitore B, pagare e contabilizzare la fatture del Fornitore A e quella del...

Dolce al ristorante: come aumentare le vendite dei dessert

Dolce al ristorante: come aumentare le vendite dei dessert

Il dolce al ristorante è per un numero sempre maggiore di clienti un momento sacro del pranzo o della cena. Per rispettare questo rito, garantendo quindi un’esperienza dolciaria unica, i ristoratori possono fare attenzione ad alcuni particolari. Seguendoli, il...

Come affrontare i no show

Come affrontare i no show

I consigli per ridurre le cancellazioni dell'ultimo minuto Si definisce no show quando chi ha prenotato un tavolo al ristorante non si presenta e non avvisa della cancellazione il locale. Ciò può causare un grande danno economico soprattutto se ci sono pochi coperti o...

Cesti Natalizi per Aziende con Prodotti Artigianali

Cesti Natalizi per Aziende con Prodotti Artigianali

Cerchi un regalo per i tuoi dipendenti o clienti? 🍾 Scegli uno dei cesti proposti nel catalogo o personalizzalo con i prodotti che preferisci. 🚛 Consegna in tutta Italia direttamente alla vostra azienda. 🇮🇹 Tutti i prodotti sono realizzati in Italia con materie prime...

Articoli correlati

Intervista alla chef Laura Santosuosso

Intervista alla chef Laura Santosuosso

Determinazione, passione e innovazione, questa è Laura Santosuosso, ex chef di Remulass, si racconta a Deliveristo, parlandoci dei nuovi progetti che intende intraprendere per sperimentare quello che il mondo della ristorazione ha da offrire. Abbiamo fatto due...

Gastronomie Italiane – Intervista al fondatore Davide Lucini

Gastronomie Italiane – Intervista al fondatore Davide Lucini

Gastronomie Italiane nasce in seguito ad un viaggio lungo 18 mesi. Davide sceglie di seguire la sua passione, l’agroalimentare e visita decine di aziende, piccoli produttori, realtà che in seguito descriverà come “cultori del sapere”. Davide Lucini porta le eccellenze...

Deliveristo blog logo footer

Il mercato dei fornitori per la ristorazione

+39 3483 099 344

Seguici su

Copyright 2021 Deliveristo S.p.A. – P.IVA: 10005280960 – Via San Marco 21, 20121 Milano, Italia