Le 9 nuove tendenze del 2023 in Europa

Le 9 nuove tendenze del 2023 che stanno spopolando nelle cucine d’Europa

Se abbiamo imparato qualcosa negli ultimi anni, è che nulla può essere dato per scontato, meno che meno in cucina. Le tendenze nel mondo della ristorazione sono un vero e proprio specchio della società: ecco perché è importante capire ed essere attenti a cosa accade intorno a noi.

Sono diversi i cambiamenti e le nuove tendenze che stanno avvenendo in ristoranti e bar. Il consumatore ora è più sensibile sui processi di produzione e sull’origine degli ingredienti. Iniziano a comparire menù ridotti e semplificati, incentrati sui singoli ingredienti e chi li produce: nascono movimenti di supporto e collaborazione con le piccole imprese. Le filosofie e i valori del locale sono sempre più importanti e vanno condivisi, soprattutto online.

Ecco le 9 tendenze che stanno prendendo piede nel mondo della cucina, da cui prendere esempio e ispirazione:

  1. Creare esperienze
  2. Più attenzione alle origini dei prodotti
  3. Collaborazioni con fattorie e aziende
  4. Un occhio ed un palato più green
  5. Menù più corti
  6. Le vecchie e buone abitudini
  7. Food-merchandising
  8. Drink low-ABV e non alcolici
  9. Maggiore presenza onlineù

Questi trend possono anche funzionare in Italia?

1. Creare esperienze

Le persone sono più propense a spendere per esperienze uniche nel loro genere: sono sempre più alla ricerca di qualcosa di diverso, per poterlo poi condividere con amici, parenti o sui social. Questo può avvenire attraverso menù speciali o a tema, corsi, eventi, con una particolare cura ai dettagli e al tipo di servizio offerto. Anche i ristoranti stellati e di alta cucina scelgono un ambiente amichevole e rilassato, per ricreare un’atmosfera il più confortevole possibile, senza più la pressione del guanto bianco. La sala assume un ruolo fondamentale, soprattutto per trasmettere i valori del locale. La cucina attira i clienti nel ristorante, ma è il servizio che li fa tornare.

2. Più attenzione alle origini dei prodotti

La completa trasparenza sull’origine dei prodotti è ormai imprescindibile. I social media e tutte le informazioni fruibili online hanno reso le persone più attente agli ingredienti che trovano nei loro piatti. Anche la spesa è diventata più consapevole: vengono preferiti i prodotti di produzione biologica o di origine controllata e, possibilmente, a filiera corta. I clienti sono sempre più esigenti a quello che gli viene servito, ma sono anche interessati a conoscere e a saperne di più: è sempre più facile vedere una mappa per localizzare l’origine di alcuni prodotti presenti nel menù.

3. Collaborazioni con fattorie e aziende

Lavorare con prodotti locali non è più solo una moda. Diversi sono i motivi che hanno spinto sempre più chef e ristoratori a collaborare con aziende e fattorie locali: ridurre l’impatto sull’ambiente del trasporto, offrire prodotti secondo la stagione ma soprattutto per esaltare le caratteristiche del territorio in cui ci si trova. Come risultato, si hanno prodotti selezionati e di qualità, ad un costo ridotto, per una cucina più locale ed un rapporto più stretto tra produttore e consumatore. Raccontare le storie dei produttori, e spesso educare il cliente sui prodotti tipici della zona è un’idea che viene sempre apprezzata da chi siede a tavola.

4. Un occhio ed un palato più green

Sempre più forte è la tendenza di ristoranti e menù totalmente vegani o plant based, ossia che limitano o rinunciano completamente ad alimenti di origine animale. Che sia una scelta etica, o mossa per la salvaguardia dell’ambiente, questo trend mostra come le abitudini alimentari stanno cambiando. Sono quindi in aumento i ristoranti dedicati che offrono piatti principalmente a base di verdure, legumi e diverse fonti di proteine, senza rinunciare alla ricerca e alla cura dell’alta cucina.

Questo nuovo movimento non inspira solo nel menù, ma anche nella scelta degli ingredienti: se non si collabora già con aziende vicine, si tende a produrre il più possibile “in casa”. Verdure ed erbe aromatiche vengono coltivate dagli stessi chef nel retro del ristorante o negli orti urbani.

5. Menù più corti

Iniziano a comparire menù (degustazione e non) con un numero ridotto di portate, con una maggiore attenzione posta sulla qualità, e non più sulla quantità. Un menù ridotto è anche la scelta ideale per risolvere momentaneamente la generale crisi del personale. Minore stress nelle preparazioni e servizi più semplici e scorrevoli. Lavorare in un ristorante dovrebbe essere piacevole come andarci a mangiare.

6. Le vecchie e buone abitudini

La cucina diventa dal sapore un po’ vintage-retrò: tornano alcune tecniche del passato. Cotture a bassa temperatura e azoto liquido, vengono affiancate a metodi più rustici come la cottura a fuoco vivo o alla brace, per esaltare la materia prima. Anche la fermentazione sta avendo il suo grande momento. Merito anche del Noma che ha saputo rilanciare e portare ad alti livelli tecniche usate quotidianamente in molte case d’Europa e non.

7. Food-merchandising

Oli aromatizzati, cocktail, lievitati e altro ancora: il merchandising legato al food si è specializzato sempre più, ed è diventato un modo per comunicare il proprio brand e fidelizzare clienti anche a distanza. Nata come necessità durante la pandemia, per creare fatturato in modo alternativo, è poi diventa un’abitudine per coloro non riescono a rinunciare ai loro ristoranti, panetterie o bar preferiti. I prodotti, piatti o drink, che rendono famoso un locale, vengono venduti in loco o spediti per essere consumati direttamente a casa propria. Se uno o più specifici prodotti del proprio locale attrae numerosi clienti, potrebbe essere una buona idea pensare di renderli disponibili all’acquisto online.

8. Drink low-ABV e non alcolici

Ordinare un cocktail non alcolico non è più un taboo: le bevande dal contenuto alcolico ridotto o nullo, vengono rese disponibili per tutti. Diversi sono i fattori che hanno portato a questo nuovo trend: l’attenzione della salute è aumentata, si vuole bere più coscientemente, e soprattutto facilitare le interazioni sociali di convivialità anche per chi preferisce non bere alcolici, donne incinte e diabetici, senza dover optare per succhi di frutta o bevande gassate.

I marchi dedicati a sostituti privi di alcol sono aumentati notevolmente: è sempre più facile trovare birre, champagne, gin o vermouth con valore alcolico nullo (o quasi), alcuni arricchiti con elementi benefici per l’organismo. Questi prodotti, in mano a bartender esperti, possono trasformarsi in perfette alternative per l’aperitivo o il dopocena.

9. Maggiore presenza online

Nel 2023 un’attività di ristorazione deve categoricamente essere presente online. Il sito web, ormai mandatario: è l’elemento primario per permettere ai potenziali clienti di trovare il locale, prenotare, consultare il menù. L’uso dei social facilita le operazioni di marketing (ad esempio utilizzando gli adv di Facebook e Instagram), ma soprattutto per trasmettere il messaggio dell’azienda. Il trucco sta nel trovare un proprio stile e avere ben chiaro i propri obbiettivi di business. La consulenza di professionisti del settore possono facilitare queste operazioni e ad ottenere risultati reali.

Questi trend possono anche funzionare in Italia?

Sicuramente con una maggiore trasparenza e attenzione agli ingredienti serviti, con l’intento anche di educare meglio il cliente alla qualità e ai prodotti del territorio, è già possibile portare un grande cambiamento. Essere presenti come brand, sia online che all’interno del locale, pone sotto ai riflettori le specialità che differenziano dalla concorrenza, è importante per distinguersi in un mercato che diventa sempre più saturo. Infine offrendo esperienze che non si fermano alla sola descrizione di un piatto.

Le 9 nuove tendenze del 2023 che stanno spopolando nelle cucine d’Europa

Scritto da Giulia Gazzetto

5 Dic, 2022

Articoli recenti

Sostenibilità: un ristorante dovrebbe davvero pensarci?

Sostenibilità: un ristorante dovrebbe davvero pensarci?

In questo articolo vedremo come mai la sostenibilità ambientale sta diventando sempre più rilevante anche nel settore horeca. A seguito di un interesse crescente stanno nascendo sempre più strumenti e riconoscimenti di sostenibilità a livello nazionale e...

La ristorazione contro lo spreco alimentare

La ristorazione contro lo spreco alimentare

Quasi un terzo del cibo, prodotto per il consumo umano, viene sprecato a livello globale (circa 2,5 miliardi di tonnellate all'anno) generando un alto spreco alimentare.  Solo nei paesi europei ogni anno vengono generati 88 milioni di tonnellate di rifiuti...

5 azioni per rendere il tuo ristorante più sostenibile

5 azioni per rendere il tuo ristorante più sostenibile

Perché la sostenibilità è importante e quale valore aggiunto porta al tuo locale? Il problema del cambiamento climatico e dello sfruttamento eccessivo delle risorse limitate sta aumentando il bisogno di attuare delle modifiche nelle aziende portando all’ottimizzazione...

È la fine dei menù degustazione?

È la fine dei menù degustazione?

Parliamo di tasting menu: quando funziona, quali sono le cose a cui fare attenzione e come sarà il suo futuro "Sarà la fine del cucinare con le pinzette?" twitta Cathy Erway, Food Writer internazionale, alla notizia della chiusura di uno dei grandi nomi della...

Stress e ansia in cucina: cosa sono e come affrontarli

Stress e ansia in cucina: cosa sono e come affrontarli

Quando si lavora a contatto con il pubblico, soprattutto in un ambito come quello della ristorazione, non sempre è facile sostenere e gestire le dinamiche interpersonali e intrapersonali come lo stress e l'ansia.   D’altronde, la gestione di un ristorante è molto...

Chilometro zero? Come valorizzarlo nel menù

Chilometro zero? Come valorizzarlo nel menù

Valorizzare il chilometro zero Chilometro zero e i suoi vantaggi Proviamo col chilometro vero Un cliente felice è un cliente che ritorna I fornitori intorno a me Valorizzare il chilometro zero Non esiste una scienza esatta per determinarne una perfetta riuscita....

Frollatura del pesce: cosa sapere

Frollatura del pesce: cosa sapere

La frollatura del pesce: tutto quello che c'è da sapere Scopri di più sulla frollatura del pesce: Significato della frollatura del pesce Il pesce fresco è sempre meglio? Perché si frolla il pesce? Come fare la frollatura del pesce Come scegliere il frigorifero per...

Preparati per dolci: risparmia tempo con risultati perfetti 

Preparati per dolci: risparmia tempo con risultati perfetti 

Perché i preparati per dolci sono la scelta ideale per i ristoratori I dolci spesso hanno un ruolo complementare nel menù di un ristorante ma può avere diverse finalità e benefici da tenere in considerazione. Alcuni esempi? Il 43% dei commensali ordina spesso il dolce...

Impact Food: intervista ad Alessandro Thellung De Courtelaty

Impact Food: intervista ad Alessandro Thellung De Courtelaty

Abbiamo avuto l'opportunità di parlare con Alessandro Thellung De Courtelaty di Impact Food di Roma, un ristorante innovativo che sta rivoluzionando il settore horeca con la sua offerta di prodotti plant-based. L'azienda è nata dal desiderio di offrire un'alternativa...

Articoli correlati

Deliveristo blog logo footer

Il mercato dei fornitori per la ristorazione

+39 348 590 3632

Seguici su

Copyright 2023 Deliveristo S.p.A. – P.IVA: 10005280960 – Via Giuseppe Mazzini, 9, 20123 Milano, Italia